Blog


IL FIORE DI MAGGIO: LA ROSA

 

IL FIORE DI MAGGIO: LA ROSA

 

Il blog del nostro neonato sito non poteva che essere inaugurato con un articolo sulla rosa, con lo scopo di svelare i segreti e raccontare la storia di questo fiore legato indissolubilmente alla figura della mamma.

La rosa, indubbiamente uno tra i fiori più belli, viene definita la regina dei fiori e rappresenta nell’immaginario collettivo bellezza, eleganza e femminilità.

 

 

 

 

 

 

- Caratteristiche

Appartenente alla famiglia delle Rosaceae, con le sue 150 varietà, può avere sia colori intensi a tinta unita che ibridi. Coltivata diffusamente sia in Europa che in Asia, la rosa è una pianta arbustiva caratterizzata da piccoli alberelli mediamente di 20 cm ca. ma che possono raggiungere in alcuni casi diversi metri d’altezza.

 

- Come si coltiva

Le rose si coltivano su qualunque tipo di terreno, purché la sua lavorazione avvenga in profondità e preferibilmente in autunno/inverno. Per quanto riguarda la concimazione va invece prediletto il periodo di ripresa vegetativa e si deve utilizzare dello stallatico maturo.

 

- Potatura

La potatura della rosa è fondamentale poiché in sua mancanza il cespo ridurrebbe la grandezza del gambo e dei fiori e, progressivamente, il numero dei suoi petali. Nello stesso anno in cui si formano i rami si ha anche la fioritura: i germogli hanno origine dalle gemme situate sui rami e nei mesi di agosto e settembre successivi alla fioritura il ramo generalmente lignifica. Le diverse varietà di rosa si potano, tuttavia, tra la fine della stagione fredda e l'inizio della primavera (novembre-marzo), con il taglio dei rami secchi e l’accorciamento di quelli nuovi.

 

- Parassiti

La rosa soffre per la presenza di una grande varietà di insetti, che tuttavia è possibile combattere seguendo procedure particolari. Prima di intervenire con antiparassitari (pur molto utili contro gli insetti più visibili), occorre osservare la pianta e fare una sorta di diagnosi preliminare. Fra gli insetti maggiormente dannosi ci sono quelli della famiglia degli emitteri (afidi e cocciniglia) che attaccano i petali e si nutrono dei boccioli. Contro questi si può realizzare una soluzione casalinga a base di sapone di Marsiglia, acqua calda e alcool oppure si può utilizzare il peperoncino. Un altro rimedio particolarmente utile in presenza degli afidi è il posizionamento di aglio o prezzemolo in prossimità delle radici della pianta.

Coleotteri, lepidotteri e imenotteri attaccano invece il fusto, le radici, i petali e le gemme. Altri “nemici” delle rose sono i funghi, i quali provocano nella pianta sia macchie che lesioni.

 

 

- Specie

Come accennato precedentemente esistono più di 150 specie di rose. Fra le più conosciute si possono annoverare:

- la Rosa Canina (o Rosa Selvatica Comune) di genere arbustivo, che si sviluppa nelle siepi ai margini dei boschi;

- la Rosa Muscosa, di genere arbustivo, con petali contraddistinti da colori brillanti ed una superficie lanosa-muschiosa particolarmente profumata;

- la Rosa Sericea, caratterizzata da un cespuglio che può raggiungere i due metri d'altezza, rami spinosi e foglie caduche, lunghe dai 4 agli 8 cm;

- la Rosa agrestis (detta Rosa delle siepi), la Rosa arvensis (Rosa cavallina), la Rosa cinnamomea (Rosa cannella), la Rosa dumalis (Rosa selvatica di montagna), la Rosa gallica (Rosa serpeggiante), la Rosa inodora (Rosa a odore debole), la Rosa heckeliana (Rosa italica), la Rosa montana (Rosa montana), la Rosa pendulina (Rosa alpina) e la Rosa tormentosa, ciascuna con caratteristiche peculiari.

 

 

 

leggi di più 0 Commenti